«Annali di architettura», n. 25, 2013

annali 25
< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 > *

David Hemsoll Envisaging Michelangelo’s Porta Piapp. 101 - 116.

L’articolo tenta di stabilire in che modo Michelangelo avesse concepito e progettato una delle sue ultime e più incredibili opere, Porta Pia, al fine di aiutare a spiegarne l’aspetto e di approfondire notevolmente quanto di solito viene detto al riguardo. A questo scopo, l’opera è esaminata in rapporto ad altri progetti di porte e portali dell’epoca di Michelangelo e precedenti, e anche in rapporto a concezioni architettoniche legate a Michelangelo o che probabilmente gli erano note, comprese le analogie fra la composizione di un edificio e il volto umano. L’articolo mira anche a leggere il progetto come un’architettura “naturale”, in deliberata opposizione a opere che si potrebbero considerare “artificiali”. Avendo chiarito questi vari aspetti, diventa poi possibile difendere, o talvolta sfidare, le diverse interpretazioni del progetto proposte in passato.