Edizioni antiche on-line

Ottavio Bertotti Scamozzi, Le fabbriche e i disegni di Andrea Palladio raccolti e illustrati da Ottavio Bertotti Scamozzi, Vicenza 1776-1783
Ottavio Bertotti Scamozzi <1719-1790> Le fabbriche e i disegni di Andrea Palladio raccolti ed illustrati da Ottavio Bertotti Scamozzi opera divisa in quattro tomi con tavole in rame rappresentanti le piante, i prospetti, e gli spaccati. Con la traduzione francese. Tomo primo [-quarto]. - In Vicenza : per Francesco Modena, 1776-1783. - 4 v. : ill. ; fol. ((Fregio xil. sui front. - Iniziali e fregi xil.1. - 1776. - 84, 86, [2] p., [2], LII c. di tav. : ill. ((Ritratto calcogr. del Palladio disegnato da Rossi e inciso da Ravenet. - Segn.: A-X² , ² A-Y². - Bianca la c. Y2. - Tav. calcogr. - La prima c. di tav. è il ritratto calcogr. dell'A., sottoscritto: David Rossi inv. e del., Equ. Ravenet sculp. - Segue, con proprio front., a c. ²A1r: Les batimens et les desseins de André Palladio. 
2. - 1778. - 59, [1], 59, [1] p., LI c. di tav. : ill. ((Segn.: [A]² B-P², ²[A]2 B-P². - Tav. calcogr. - Segue, a c. ²[A]1r, con proprio front.: Les batimens et les desseins de André Palladio. 
3. - 1781. - 54, [2], 55, [1] p., LII c. di tav. : ill. ((Segn.: [A]² B-O², ²[A]² B-O². - Bianca la c. O2. - Tav. calcogr. - Segue, con front. proprio, a c. ²[A]1r: Les batimens et les desseins de André Palladio.
4. - 1783. - 71 [1], 70, [2] p., LIV c. di tav. : ill. ((Stemma calcogr. degli Odescalchi nelle dediche a c. [A]1r e ⁲[A]1r. - Segn.: [2 cc.],  B-S², [2 cc.] B-S². - Bianca la c. S2. - Tav. calcogr. - Segue, a c. ²[A]1r, con proprio front.: Les Batimens et les desseins de André Palladio.
Prima edizione. Il testo italiano, precede, in questo esemplare, quello francese. «L'opera costituisce il contributo settecentesco più diffusamente e articolatamente dispiegato allo studio di Palladio» (Puppi, Andrea Palladio, 1976, p. 186?) Per i quattro volumi la legatura è moderna in mezza pergamena e carta decorata a motivi di fiori e foglie
Carta / incisioni su rame, 497 x 371 mm.
Conservato presso: Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio, CAP E XVIII 4/1-4