Edizioni antiche on-line

Marco Vitruvio Pollione, I dieci libri dell'architettura di M. Vitruuio. Tradotti & commentati da Monsignor Barbaro eletto Patriarca d'Aquileggia, Venezia, Francesco Marcolini, 1556
I dieci libri dell'architettura di M. Vitruuio tradutti et commentati da monsignor Barbaro eletto patriarca d'Aquileggia… In Vinegia, per Francesco Marcolini, 1556 (In Venetia, per Francesco Marcolini, 1556). 274 [i.e.] 284, 18 p., ill. ; folio (Frontespizio, iniziali e fregi incisi. Errori nella numerazione. Le pp. C6r, E7r, E8r, I4r, I5r contengono prolungamenti ripiegati, le pp. V2v, V3r contengono piantine girevoli.
Nel 1556 Daniele Barbaro, umanista strettamente legato all'ambiente di Trissino e Palladio, pubblica una ricca e dotta traduzione di Vitruvio che si distingue dalle precedenti non solo per il commento accurato dello stesso Barbaro ma anche per le illustrazioni, nate da un'attenta osservazione dell'Antico e pressoché tutte offerte con il metodo della proiezione piana. Queste vengono in buona parte eseguite, per esplicita dichiarazione di Barbaro, da Andrea Palladio “il quale ha con incredibile profitto... acquistato la vera architettura non solo intendendo le belle e sottili ragioni di essa ma anco ponendola in opera” (I, p. 40).
Carta / xilografia, 408 x 293 mm.
Conservato presso: Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio, CAP D XVI 6