"Talking heads" al Palladio Museum!

No, non stiamo parlando del famoso gruppo musicale americano capeggiato da David Byrne e nemmeno della sua ultima installazione artistica. “Talking heads” è una nuova formula che unirà entrambi: la musica e l’architettura e l'arte.

Al Palladio Museum ogni giovedì a partire dal 7 settembre, una serie di aperitivi culturali per visitare il Museo, parlare di Palladio e di architettura con una formula sperimentale tutta nuova.
Ogni serata infatti avrà un tema che sarà approfondito attraverso dei "corti", video di breve durata, delle vere e proprie pillole culturali, interazioni con il pubblico e workshop, da condividere in un clima di divertimento all’interno dei magnifici spazi del cortile di palazzo Barbarano e nelle sale del Museo.  
Il Palladio Museum in questo modo spalanca le porte ad un pubblico nuovo, consolidando l’esperienza già avviata nell'ultimo anno. Migliaia di giovani, attraverso formule nuove adottate in collaborazione con i progetti “Friends” e “NaM”, hanno invaso le sale della mostra “Andrea Palladio. Il mistero del volto” in eventi che portavano la musica contemporanea a dialogare con i reperti del passato.  

Un’altra novità durante le serate sarà la possibilità di tesserarsi attraverso la Palladio Young: una nuova tipologia di tessera pensata per i giovani, che permetterà delle scontistiche e agevolazioni da usufruire al museo e in altre strutture.  

Gli appuntamenti sono a cura del PalladioMuseum in collaborazione con “Friends”, “NaM”, “Surfin’ Bird”, “History”, “Supermarket”, “From Disco to Disco”. L’inizio è previsto per le ore 19 e si ricorda il dress code “Smart dress only”. La musica, parte integrante del progetto e suonata esclusivamente in vinile, sarà selezionata da Buffa doc dj e Andrea Comparin. Si occuperà della parte aperitivo e cocktail il Qubò caffè. Il tema di apertura sarà “Home sweet home”, a seguire “Archimovies” e “Palladio Horror”. In caso di mal tempo l’evento sarà rinviato al giovedì successivo con le medesime modalità. Tutte le informazioni si trovano on line nelle pagine Facebook

Palladio Museum
NaM