Refettorio del monastero di San Giorgio Maggiore

Venezia
Progetto
1560
Costruzione
1560 - 1563
Stato di realizzazione
Esistente
Indirizzo
Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia
Artisti
  • Palladio, Andrea
Tipologia
  • Convento
Il primo contatto fra Andrea Palladio e la ricchissima congregazione benedettina di Santa Giustina riguarda la costruzione del refettorio del convento di San Giorgio Maggiore a cominciare dal luglio del 1560 per concludersi tre anni più tardi. In realtà si tratta della ristrutturazione e del completamento di un edificio impostato una ventina d’anni prima che Palladio trasforma in una delle sue realizzazioni più sontuose e affascinanti; questa conduce all’aula del refettorio attraverso una calibrata sequenza scenografica di spazi su due livelli.
Un’ampia scalinata conduce a un primo grandioso portale (citazione filologica di un preciso modello romano antico: il portale del San Salvatore a Spoleto) attraverso il quale si accede a un vestibolo dove, su di un pavimento bianco e rosso, sono collocati due straordinari lavamani gemelli di marmo rosso; quindi un secondo portale — che è una reinterpretazione palladiana del precedente — introduce nella grande aula. Quest’ultima è coperta da una grandiosa volta a botte che si trasforma in crociera sulla mezzeria per consentire l’apertura di due finestre termali: il modello è evidentemente la copertura degli ambienti termali antichi, già ricercata in progetti giovanili come villa Valmarana a Vigardolo (1542), ma qui riproposti in un’inedita enfasi dimensionale.
La magnificenza dell’architettura del refettorio era in origine completata dal posizionamento sulla parete di fondo della grande tela raffigurante le Nozze di Cana, commissionata a Paolo Veronese già nel 1562 e conclusa in poco più di un anno di lavoro. Senza dubbio il dipinto era stato pensato in relazione allo spazio palladiano e alla grande finestra termale sovrastante, ma fu trafugato nel 1797 per volontà di Napoleone e trasferito al Louvre.
La straordinaria ricchezza dell’insieme rende testimonianza della qualità del gusto dei monaci e della grandiosità del tenore di vita del monastero, uno dei più potenti d’Italia. Tuttavia ciò non impedisce ai monaci di imporre la conservazione delle arcaiche finestre cinquecentesche — evidentemente residuo del primo cantiere — che Palladio si deve limitare a incorniciare con elementi all’antica.