«Annali di architettura», n. 9, 1997

annali 9
< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 > *

Jean-Marie Pérouse de Montclos Philibert de L'Orme et la Reine Catherine de Médicispp. 35 - 48.

Fino ad ora si pensava che fosse stata Caterina de Medici a esigere la sostituzione di Philibert De l'Orme con Primaticcio alla tesa della Surintendance des Bâtiments Royaux alla morte di Enrico II, avvenuta nel 1559. Ciò sulla base dell'ipotesi che la regina non avesse perdonato a De l'Orme di aver servito Diana di Poitiers, l'amante del re. L'autore dell'articolo, che sta preparando un libro su De l'Orme, dimostra invece che Caterina non è assolutamente responsabile di tale sostituzione, anzi che ha fatto costantemente lavorare De l'Orme, anche prima della morte del re. Tale constatazione conduce a importanti revisioni, soprattutto per ciò che concerne la rotonde des Valois a Saint-Denis. Primaticcio, nominato surintendant des bâtiments della regina nel 1560 nel periodo in cui erano molto potenti i Guisa, nemici giurati di De l'Orme e principali clienti di Primaticcio, ne ha fornito un progetto di cui non si sa nulla se non nella descrizione datante da Vasari. De l'Orme, che rimpiazza il Primaticcio nello stesso ruolo dal 1563 al 1564 (in questo periodo aprirà il cantiere delle Tuileries), elabora il progetto per la rotonda che sarà in seguito adottato da Bullant.