«Annali di architettura», n. 14, 2002

annali 14
< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 > *

Cammy Brothers Reconstruction as Design: Giuliano da Sangallo and the “palazo di mecenate” on the Quirinal Hillpp. 55 - 72.

La ricostruzione di Giuliano da Sangallo del cosiddetto tempio di Serapide sul Quirinale, di cui poco rimane, è fra le più ambiziose realizzazioni mai eseguite dall’architetto. Paragonando la sua ricostruzione con quelle di Peruzzi e di Palladio, diventa possibile distinguere le caratteristiche più importanti del suo approccio verso l’antico. Questo confronto indica inoltre quanto poco rimaneva del monumento già nel Quattrocento, e dunque quanto forte fosse la componente di progetto e di invenzione in entrambe le ricostruzioni. Il nome di ‘palazo di mecenate’ dato da Giuliano al tempio rivela aspetti delle sue idee di come dovevano essere i palazzi antichi. Il saggio si conclude con il suggerimento di un rapporto tra la ricostruzione del tempio compiuta da Giuliano e il suo progetto per la villa Medici a Poggio a Caiano.