Criteri di valutazione

Il Comitato di redazione 
Il Comitato di redazione è composto da 10 studiosi appartenenti al Consiglio scientifico del CISA Andrea Palladio, di cinque nazionalità diverse e competenze disciplinari nel campo della storia dell’architettura dall’Antico al Novecento. È quindi un gruppo di esperti internazionali, esterni e indipendenti dai lavori proposti per la pubblicazione.

La valutazione degli articoli
Ogni proposta di articolo è sottoposta, con l’autore indicato in chiaro, al giudizio di tutti i componenti il Comitato di redazione (d’ora in avanti Cdr). Nel caso il tema affrontato non sia sufficientemente noto alla maggioranza dei suoi componenti, il Cdr può decidere di affidarsi a uno specialista esterno.
Il Cdr è noto ai proponenti, essendo chiaramente indicato su ogni fascicolo della rivista e sulla sua pagina web.
Tutti i proponenti, che siano accettati o che non lo siano, ricevono i pareri del Cdr entro quattro mesi dall’invio della proposta.
Le proposte accettate ricevono da subito un’approvazione definitiva o, più spesso, un’approvazione vincolata a revisione.
Le richieste di revisione più frequenti sono: riduzione del testo laddove ridondante o relativo a fatti ben noti in letteratura; ripartizione del testo in capitoli; integrazioni bibliografiche; aggiunta di illustrazioni che rendano più chiaro il contenuto dell’articolo.
I rifiuti sono per la maggior parte dovuti a: argomenti non riconducibili agli interessi storico-architettonici della rivista; temi di interesse troppo locale; studi non sufficientemente originali, documentati e bibliograficamente aggiornati.
Qualsiasi eventuale discussione fra l’autore e il Cdr resta confidenziale.
Direttore e revisori del Cdr della rivista si astengono dal discutere qualsiasi proposta che per qualsivoglia ragione non li renda liberi, corretti, disinteressati nelle loro decisioni. Il direttore della rivista e i revisori del Cdr non possono essere coinvolti in decisioni editoriali riguardanti un proprio articolo.  

Le recensioni
Il Comitato di redazione decide e accoglie proposte su quali libri recensire; sceglie l’autore a cui affidare la recensione individuandolo fra gli studiosi più competenti nell’argomento, privilegiando i più giovani ed escludendo i potenziali denigratori.
Tutte le recensioni pubblicate sono firmate e riportano l’indirizzo e-mail dell’autore.  

Abstract e profili
Ogni articolo è accompagnato da un abstract di 100-300 parole. Poiché gli articoli trattano in maggioranza di Rinascimento italiano, tutti gli abstract, anche quelli di articoli in lingue diverse, sono tradotti in italiano.
Di tutti gli autori degli articoli la rivista pubblica un breve profilo biografico (100 parole), comprensivo di indirizzo e-mail.