62° corso sull’architettura palladiana
Palladio nel tempo: modelli, attività, fortuna

3 - 8 ottobre 2020. corso online di 12 lezioni

Docenti


Donata Battilotti
, Università di Udine
È docente di Storia dell’architettura alla Facoltà di Lettere dell’Università di Udine. Si è occupata in particolare della figura e delle opere di Andrea Palladio, della ricostruzione dell’immagine urbana e del territorio di Vicenza nel Cinquecento attraverso documenti fiscali, di ville venete, della costruzione del Palazzo Comunale e delle piazze Contarena e I Maggio di Udine, di architettura friulana del Settecento, di insediamenti commerciali e manifatturieri a Livorno e a Firenze in epoca rinascimentale.

Guido Beltramini
, Direttore CISA Andrea Palladio
Dal 1991 è direttore del Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio. È stato professore a contratto all’Università di Ferrara dal 1994 al 2002 e dal 2015 è visiting professor alla Graduate School of Design di Harvard University. Studia la storia dell'architettura del Rinascimento, con una particolare interesse per Palladio, l'architettura veneta, l'arte della guerra e la cultura dell'Antico.

Barry Bergdoll
, Columbia University
È professore di Storia dell’architettura alla Columbia University. I suoi studi monografici su Schinkel e altri architetti europei del XIX secolo sono alla base del suo European architecture 1750-1890 (Oxford 2000), a tutt’oggi la più autorevole ricostruzione storico-architettonica del periodo. Come curatore del settore Architecture & design al Moma (2007-2013), ha curato mostre memorabili, sempre accompagnate da una riflessione sulla pratica delle esposizioni di architettura.

Cammy Brothers
, Northeastern University
Docente alla Northeastern University a Boston, è oggi una delle studiose di riferimento sull’architettura di Michelangelo, cui ha dedicato un importante libro nel 2008. Sta ora portando a termine una monografia su Giuliano da Sangallo. È una specialista della tradizione dei taccuini e della ricostruzione dei monumenti antichi nel Rinascimento, e nei suoi studi guarda anche all’Impero ottomano.

Howard Burns
, già Scuola Normale Superiore, Pisa
Presidente del Consiglio scientifico del Centro internazionale di studi di Architettura Andrea ha insegnato all’Università di Cambridge, al Courtauld Institute of Art di Londra, Harvard University, Università Iuav di Venezia, Scuola Normale Superiore di Pisa. Ha avuto un ruolo di rilievo nella preparazione di tutte le mostre del Centro di studi palladiani e nell'organizzazione di esposizioni su Raffaello (Roma, 1984), Giulio Romano (Mantova, 1989), Francesco di Giorgio (Siena, 1993). Ha pubblicato saggi su Filippo Brunelleschi, Leon Battista Alberti, Francesco di Giorgio, Raffaello, Baldassarre Peruzzi, Giulio Romano, Pirro Logorio, Michele Sanmicheli, Michelangelo.

Joseph Connors
, Harvard University
Docente di storia dell’architettura a Harvard University, è il massimo esperto al mondo di architettura barocca italiana, e sta per dare alle stampe un memorabile libro su Borromini, a cui lavora da anni. I suoi interessi comprendono anche la biblioteca della prima età moderna, libri, stampe, disegni e mappe di architettura. È stato direttore dell’American Academy in Rome (1988-92) e dello Harvard Center for Italian Renaissance Studies Villa I Tatti (2002-10).

Pierre Gros
, Institut de France, Académie des Inscriptions et Belles-Lettres, Parigi
È componente della celebre Académie des Inscriptions et Belles-Lettres dell’Institut de France, latinista e archeologo. Specialista dell’architettura ellenistica e romana, ha lavorato in molti scavi, in Francia, Italia, Tunisia e Turchia. Ha pubblicato le edizioni critiche di Vitruvio per le case editrici Budé (Parigi) e Einaudi.

Gordon Higgott
Dr Gordon Higgott is an independent architectural historian, based in London, who specialises in architectural drawings and design practice in early modern Britain. He is the author of several catalogues of architectural drawings, most recently those by Sir Christopher Wren and his office for St Paul’s Cathedral in London: https://www.stpauls.co.uk/history-collections/the-collections/architectural-archive/wren-office-drawings (2013). He has published widely on the work of Inigo Jones, including several articles and book chapters on the Queen’s House, Greenwich. He is currently preparing a new critical edition of Inigo Jones’s annotated copy of Palladio’s I Quattro Libri dell’Architettura at Worcester College, Oxford.

Deborah Howard
, St John's College, Cambridge
È professoressa emerita di Storia dell’architettura all’Università di Cambridge e Fellow del St John’s College, Cambridge, e della British Academy. Le sue ricerche si focalizzano sull’architettura a Venezia e nel Veneto nella prima età moderna. Le sue numerose pubblicazioni includono Jacopo Sansovino (1975, 1987); The Architectural History of Venice (1980, rev. 2002); Venice & the East (2000); Architecture and Music in Renaissance Venice (2009); Venice Disputed (2011) e The Sacred Home in Renaissance Italy (con M. Laven e A. Brundin, 2018). Attualmente sta conducendo un progetto di ricerca sull’architettura proto-industriale nel Veneto del Cinque e Seicento.

Fernando Marías
, Universidad Autónoma de Madrid
Docente di Storia dell’arte e coordinatore della Scuola di dottorato alla Universidad Autónoma de Madrid, è vicepresidente del CISA Andrea Palladio di Vicenza e direttore della sua rivista “Annali di architettura” (www.palladiomuseum.org/annali). Le sue linee di ricerca comprendono l’arte e l’architettura spagnola nella prima età moderna, l’arte e l’immagine religiosa nella Spagna degli Asburgo, El Greco, Velázquez, la corografia spagnola in età moderna.

Werner Oechslin
, ETH Zurigo
Ha studiato matematica, storia dell’arte, archeologia e filosofia a Zurigo e Roma, ottenendo il dottorato nel 1970 e l’abilitazione all’insegnamento all’Università di Berlino nel 1980. Ha poi insegnato a Zurigo, Berlino, Bonn, al MIT, a Harvard, a Tongji e altrove. Dal 1986 al 2006 ha diretto l’Istituto di Storia e teoria dell’architettura all’ETH di Zurigo. È il fondatore della Stiftung Bibliothek Werner Oechslin a Einsiedeln.

Dimitry Shvidkovsky
, Istituto di Architettura, Mosca
Ph.D. in Storia dell’arte all’Istituto statale di Studi dell’arte di Mosca, ha conseguito il postdottorato in Storia dell’architettura all’Istituto di Teoria e storia dell’architettura di Mosca. È rettore dell’Istituto di Architettura di Mosca, dove insegna Storia dell’architettura, e presidente dell’Accademia Russa di Architettura e Scienze delle costruzioni. Fra i suoi libri, The Empress and the Architect, London 1996; Russian Architecture and the West, New Haven-London 2007.