Architettura è scienza
Vincenzo Scamozzi (1548-1616)

Vicenza, palazzo Barbarano. 7 settembre 2003 - 11 gennaio 2004

Presentazione

Obiettivo della mostra è presentare l'opera e il pensiero di Vincenzo Scamozzi. In essa il pubblico potrà seguire, attraverso i suoi disegni originali di progetto, il progressivo trasformarsi delle "prime idee sulla carta" in progetti definitivi. Potrà ricostruire il contesto politico e sociale dove operava, l'Europa di fine Cinquecento. Potrà incontrare lo stesso Scamozzi e i suoi committenti e amici, attraverso i ritratti che ne fecero grandi pittori.
Quindi potrà, grazie agli Itinerari scamozziani, visitare direttamente le opere costruite, sparse nelle città e campagne del Veneto. Infine potrà, se interessato, approfondirne lo studio nel catalogo della mostra.

Il "progetto Scamozzi" infatti si articola in tre azioni:

1. La mostra in palazzo Barbaran da Porto.
La mostra presenta circa 200 opere provenienti dall'Italia, Svizzera, Austria, Olanda, Gran Bretagna e Stati Uniti, comprendenti disegni autografi di Scamozzi, Palladio e Inigo Jones, dipinti rinascimentali da Lamberto Sustris a Paolo Veronese, busti di Alessandro Vittoria, libri, manoscritti, modelli lignei realizzati per l'occasione. La mostra non vuole essere una semplice sommatoria di oggetti, ma mira a raccontare l'architettura di Scamozzi anche al pubblico non specialista, attraverso una comunicazione efficace, modelli lignei realizzati per l'occasione e grandi fotografie. L'evento non si limita alle sale di palazzo Barbaran da Porto, ma si intreccia con un itinerario di visita ai 20 principali siti scamozziani nel Veneto.

2. Gli "Itinerari scamozziani".
Per l'occasione è stato organizzato un itinerario fra le venti principali opere di Vincenzo Scamozzi, tutte localizzate nel Veneto, più il Teatro di Sabbioneta. Un’agile guida ne presenta la storia, ne precisa il modo di raggiungerle, la localizzazione esatta e gli orari di apertura.

3. Il catalogo della mostra. Il catalogo della mostra è una sistematica "opera completa" di Scamozzi, che illustra tutti i suoi edifici e i suoi scritti teorici, frutto di cinque anni di lavoro di un gruppo di quasi quaranta specialisti europei e statunitensi.