Vicenzo Scamozzi, interventi sul Teatro Olimpico (1582-84)

Vicenza
Indirizzo
Piazza Matteotti 11, Vicenza
Accessibilità

Interni ed esterni.

Visita il link

Dati aggiornati al 25.08.2016.

foto Vaclav Sedy

Interrotto il cantiere per la morte di Palladio (1580), il teatro Olimpico è completato da Vincenzo Scamozzi, che ne razionalizza i percorsi di accesso e soprattutto progetta una straordinaria scenografia a fuochi multipli per la rappresentazione inaugurale del 3 marzo 1585. Palladio aveva previsto prospettive plastiche solo nell’arco centrale, e pannelli dipinti negli archi laterali. Scamozzi invece realizza le “sette vie di Tebe” destinate a far da sfondo alle vicende dell’Edipo e metafora della stessa Vicenza rinascimentale incompuita. Oltre alla scenografia, Scamozzi progetta anche l’illuminazione, ottenuta con lumi ad olio: come scrisse uno spettatore della rappresentazione inaugurale del 1585, le prospettive di Scamozzi “non illuminate non sono niente, illuminate paiono ogni cosa”. Vent’anni dopo progetterà anche l’Odeo.